La Dislessia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA)

I DSA sono diagnosticati da un’equipe di psicologi, neurologi e neuropsichiatri. Per avere tale diagnosi, il bambino NON deve presentare: deficit di intelligenza, problemi ambientali o psicologici, deficit sensoriali o neurologici. È stato dimostrato che questi disturbi sono determinati da un’alterazione neurobiologica e possono avere origine genetica.

La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente

Il bambino dislessico può leggere e scrivere, ma riesce a farlo solo impegnando al massimo le sue capacità e le sue energie, poiché non può farlo in maniera automatica, e perciò si stanca rapidamente, commette errori, rimane indietro, e di conseguenza non impara. La dislessia si presenta in quasi costante associazione ad altri disturbi, la difficoltà di lettura può essere più o meno grave e spesso si accompagna a problemi nella scrittura: disortografia (cioè una difficoltà di tipo ortografico, nel 60% dei casi) e disgrafia (difficoltà nel movimento fine-motorio della scrittura, cioè una cattiva resa formale, nel 43% dei casi), nel calcolo (44% dei casi).

I bambini e i ragazzi con DSA hanno spesso diverse difficoltà nello studio le quali possono rendere il loro percorso scolastico un vero percorso ad ostacoli.

Legge 170/2010

La legge nasce per tutelare bambini e ragazzi all’interno della scuola e dare loro la possibilità di utilizzare strumenti compensativi e misure dispensative che gli consentano di imparare nel modo più funzionale possibile. Spesso per far sì che un alunno con DSA raggiunga il successo scolastico è sufficiente attuare alcune semplici strategie.

Annunci